Archivio della categoria: Arredamento

Bancone reception: le caratteristiche da prendere in considerazione

Sono sempre più numerose le aziende che decidono di inserire una reception presso la loro sede. In molti casi si tratta di aziende di grandi dimensioni che hanno bisogno di smistare non più solo le telefonate, ma anche i visitatori in arrivo, siano essi clienti oppure collaboratori. In altri casi si tratta di aziende piccole che stanno crescendo notevolmente e che hanno bisogno di qualcuno che si occupi di clienti e collaboratori in modo diverso rispetto a quanto successo in passato, in modo sicuramente più formale, più professionale, più mirato. E laddove vi è la necessità di avere una reception, è ovviamente di fondamentale importanza scegliere un bel bancone pensato appositamente per questa zona.

Il bancone reception è prima di tutto un elemento di grande impatto visivo che permette di accogliere clienti e collaboratori con il massimo della professionalità possibile, una sorta insomma di biglietta da visita per l’azienda che riesce così già alla prima occhiata ad apparire davvero impeccabile. Il bancone reception però non è solo questo, è anche uno spazio che permette alla persona addetta alla reception di portare avanti la sua attività al meglio, avendo tutto a portata di mano, dal computer all’agenda per gli appuntamenti, dal telefono a tutta la cancelleria necessaria. Inoltre il bancone offre alla receptionist addetta all’accoglienza, la possibilità di non mostrare mai troppo ai clienti e ai collaboratori, lasciando ciò che non deve essere a vista ben coperto dietro alla postazione, nascosto insomma a qualsiasi occhio indiscreto.

Bellezza, praticità e privacy: sono questi insomma gli ingredienti che fanno di un bancone reception un elemento di arredo imprescindibile per ogni azienda che voglia potersi dire davvero professionale. Al momento della scelta, sono proprio quindi queste tre caratteristiche che devono assolutamente essere prese in considerazione, ma non sono di certo le uniche che possano essere considerate importanti. Dovrete infatti necessariamente anche considerare le dimensioni del bancone. Un bel bancone per la reception non deve mai essere troppo piccolo, perché con la sua maestosità è in grado di donare eleganza e professionalità all’ambiente. Credere però che sia adeguato sceglierne uno di dimensioni eccessive è del tutto sbagliato, perché in questo modo si andrebbe ad occupare una quantità di spazio troppo elevata, senza ottimizzare quello disponibile, senza riuscire a dare respiro all’ambiente. Oltre alle dimensioni anche lo stile è importante, uno stile che deve essere in linea con gli altri mobili presenti e che deve anche riuscire a rispecchiare quello che è il mood aziendale, l’atmosfera che volete gli ambienti della vostra azienda possano offrire a coloro che varcheranno la vostra soglia.

Prestando attenzione a tutte queste caratteristiche, dovreste essere in grado di scegliere il bancone migliore per voi e per le vostre esigenze, quello che è un biglietto da visita impeccable per la vostra azienda e che ben si armonizza con il suo modo di essere e con ogni altro elemento. Ma ovviamente affinché il bancone da reception possa dirsi completo sarà anche necessario acquistare una bella sedia da poter posizionare dietro al bancone che offra a coloro che in quello spazio devono lavorare comfort e che allo stesso tempo sia anche in grado di completare l’ambiente, come se si trattasse a pieno titolo di un accessorio ideale per il vostro migliore outfit. E non dimenticate di inserire anche qualche elemento decorativo, sia direttamente sul bancone che sul muro o agli angoli della stanza, così che sia possibile evitare di creare un mood troppo asettico e spoglio, così che sia possibile valorizzare davvero questo importante spazio aziendale.

La cosa migliore da fare allora è scegliere un professionista dell’arredo contract che sia in grado di progettare insieme a voi questo spazio in ogni suo più piccolo dettaglio e che vi offra un catalogo di proposte davvero vasto come, ad esempio, RCP srl, una realtà che opera in questo settore dell’arredamento dal 1983 e che vi offre un servizio chiavi in mano semplicemente impeccabile, per ambienti di lavoro belli, pratici e professionali.

Sgabelli bar: per bar moderni e carichi di fascino

Se desiderate che il vostro bar sia moderno e davvero carico di fascino dovreste a nostro avviso assolutamente inserire nel suo arredamento anche degli sgabelli, da posizionare direttamente al bancone del bar. Grazie all’utilizzo di sgabelli bar avrete la possibilità infatti di sfruttare il bancone sia per servire drink e snack che per servire pranzi e cene, aumentando così i posti a sedere disponibili e ottimizzando al meglio lo spazio che avete all’interno del vostro locale. Anche se il vostro bar è piccolo, riuscirete quindi ad allargare notevolmente il vostro business e ad ottenere delle entrare davvero molto interessanti. Gli sgabelli bar quindi non sono solo un importante elemento di arredamento, ma anche uno strumento di business che non dovete in alcun modo sottovalutare.

Ovviamente gli sgabelli bar, per riuscire in questa impresa, devono essere scelti in versioni cariche di fascino e davvero molto accattivanti, come quelle che il design contemporaneo offre e che vi permettono di regalare al vostro locale una ventata di aria fresca e ai vostri clienti un eccellente comfort. Gli sgabelli bar di design infatti sono molto funzionali, pensati per sorreggere la schiena al meglio e per garantire una seduta davvero confortevole per tutti, adulti e bambini. In questo modo i vostri clienti si sentiranno del tutto a loro agio, passeranno nel vostro bar molti momenti piacevoli e rilassanti e, potete starne certi, torneranno anche il giorno successivo da voi.

Ma gli sgabelli bar possono essere utilizzati solo ed esclusivamente al bancone? Assolutamente no. Per utilizzarli anche nel resto del vostro ambiente potete scegliere di acquistare dei tavoli da bar piuttosto alti e posizionare anche qui i vostri sgabelli. Si tratta di una scelta ideale per dare al vostro bar un’atmosfera ancora più moderna, della scelta ideale anche per riuscire a pulire al meglio il pavimento perché grazie all’altezza di questi mobili avrete la possibilità di scovare più facilmente lo sporco e di eliminarlo con un solo passaggio. Pensate inoltre che molti sgabelli possono essere agganciati ai tavoli da bar in modo da restare sospesi quando non vengono utilizzati: un aiuto in più per le vostre pulizie quotidiane!

Potete anche decidere di creare una sorta di bancone che corra lungo tutto il perimetro del bar, alto proprio come il bancone principale e anche qui perfetto per accogliere gli sgabelli. Si tratta di un’altra soluzione che vi permette di ottimizzare al meglio lo spazio che avete a vostra disposizione e che vi offre molte sedute extra.

Per scovare sgabelli di grande design, belli e funzionali, di alta qualità e realizzati con i migliori e più resistenti materiali, vi consigliamo di optare per il web. Online infatti sono disponibili innumerevoli realtà che vi permettono di non rinunciare a tutte queste caratteristiche, ma che vi offrono anche l’opportunità, oggi davvero molto importante, di risparmiare notevolmente. Tra le molte realtà disponibili sul web, vi ricordiamo Gierre. La sua lunga esperienza, di oltre 25 anni, la professionalità, la capacità di coniugare estetica e funzionalità in modo impeccabile, rendono Gierre un’azienda leader in questo settore, capace di garantire ai bar, ai ristoranti, agli uffici, ai negozi e ad ogni altra tipologia di ambiente lavorativo delle sedute semplicemente eccezionali. Navigate sul suo vasto catalogo online ed effettuate i vostri acquisti in pochi semplici click, comodamente dal computer di casa, ma anche ovviamente da smartphone e tablet.

Come arredare casa con le luci e i colori dell’acquario

 

La luce è una forma primordiale di vita, come l’acqua, ed è per questo che sono entrambi elementi fondamentali per un acquario. Al tempo stesso, la luce rappresenta un dettaglio importante anche per il design, perché conferisce un valore aggiunto all’arredamento di casa. Una corretta illuminazione mette in risalto i colori, sottolinea i particolari e impreziosisce ogni dettaglio.

Come utilizzare la luce di acquario per arredare casa

L’acquario è di per sé una forma di arredo, grazie alle sue forme e colori; bisogna però tener conto delle dimensioni e della posizione. Per quanto riguarda il primo aspetto, soprattutto se si tratta di un acquario in vendita online, sarebbe opportuno riprodurre con una sagoma di cartone le misure esatte e provarlo nello spazio di casa; a volte l’idea di una dimensione potrebbe essere differente dalla realtà.
Il discorso della posizione, sempre legato alle luci, è importante perché, in particolare un acquario di grandi dimensioni, deve essere inserito in maniera armoniosa all’interno di un ambiente. Si può decidere infatti se posizionarlo in modo da renderlo l’elemento di arredo principale della stanza, oppure se defilarlo leggermente per fare in modo che compaia in un secondo momento, con tutti i suoi colori, quasi ad effetto sorpresa. Ovviamente andrebbe posizionato in una stanza frequentata nelle ore notturne, proprio per enfatizzare l’aspetto cromatico, in contrasto con il buio.

Quale illuminazione scegliere per un acquario

A prescindere dalla forma di arredamento scelta, la luce è fondamentale per la vita di un acquario: serve alle piante e ai microrganismi per crescere e ai pesci, agli anfibi e alle altre creature acquatiche per sopravvivere.
Per questo motivo si consiglia sempre di scegliere un acquario in vendita in negozi online affidabili e professionali, che oltre a fornire strumenti ed accessori, sappiano dare le giuste indicazioni circa l’impianto di illuminazione più idoneo da utilizzare. È possibile trovare diverse proposte su Aquashopping.
Bisogna infatti prendere in considerazione tre aspetti importanti per la luce: durata (dalle otto alle dieci ore consecutive e sempre nello stesso orario), intensità (fino a 1,2 watt per acquari di acqua dolce e da 2 a 3 watt per ambienti marini) e colore (fitostimolante per almeno il 50%, bianca e gialla).

Dalla ristorazione professionale alla casa

È estremamente interessante scoprire come le attrezzature e le tecniche utilizzate tipicamente nel mondo della ristorazione, nel tempo, hanno influenzato la creazione di nuovi elettrodomestici che invece usiamo all’interno della casa. Forse non l’abbiamo mai notato, ma se ci riflettiamo un momento ci rendiamo immediatamente conto del fatto che, fino a qualche decennio fa, nelle abitazioni private non erano presenti tutti gli elettrodomestici che ci troviamo adesso.

Pensiamo un attimo al semplice forno trivalente, per esempio; da dove viene? Si è sempre utilizzato? In verità no, l’abbiamo mutuato proprio dal settore della ristorazione, prendendo coscienza della comodità e delle facilitazioni che esso porta nella routine quotidiana, e spostandolo così anche in un nuovo contesto. Lo stesso è accaduto a partire dagli abbattitori (strumenti che abbassano rapidamente la temperatura), che dal mondo dei ristoranti è risultato incredibilmente vantaggioso anche nelle case, dove ovviamente poter conservare grosse quantità di cibi per tempi anche molto lunghi rappresenta un significativo aiuto in termini logistici, di organizzazione e gestione delle economie domestiche, nonché del tempo e delle energie delle persone, che per esempio non devono spendersi continuamente per andare a fare la spesa – con un congelatore, basta fare compere abbondanti una volta al mese, od ogni due mesi, e si può stare sereni. Anche con le planetarie e le macchine per il vuoto è successo il medesimo passaggio, e con molta probabilità, approfondendo e ampliando la nostra riflessione, ci troveremmo a scoprire che sono diverse, in verità, le realtà commerciali da cui, nel corso degli anni, abbiamo potuto trarre stimolanti spunti e suggerimenti su come arredare casa e mettere in atto una gestione più semplice, intelligente e sostenibile dell’economia domestica, del tempo e delle energie umane.

E che dire delle vetrine per il mantenimento in temperatura dei vini o dei salumi? Era specifiche dei ristoranti. Anzi, inizialmente erano specifiche di ristoranti di un certo livello che hanno fatto dell’attenzione ai particolari il loro punto di forza. Interessante inoltre constatare come questa simbiosi sia a doppio senso. Se da un lato gli chef, e più in generale i professionisti della ristorazione, hanno sollecitato l’invenzione di attrezzature con richieste specifiche, dall’altro non si sono mai tirati indietro a sperimentare quanto dall’industria veniva proposto