Archivio della categoria: Birra

Come scegliere una buona birra online

Quale birra stai cercando? Se ti trovi nell’imbarazzo della scelta è perché ti stai lasciando tentare dalla vastità dell’offerta presente tra gli scaffali virtuali delle enoteche online: bionde, rosse, fusti e bottiglie… Come scegliere?

La prima distinzione la farai optando per la birra alcolica oppure per l’analcolica.

Il bello di scegliere una birra online è che hai a disposizione tutto ciò che ti serve: se il tuo gusto è già affermato, allora ti basterà leggere le schede informative dov’è appuntata anche la più minima informazione.

Ti piacciono le birre rosse dolci o preferisci le brune e corpose? Sei un tradizionalista e vuoi bere solo birre tedesche, oppure sei un curioso che desidera assaggiarne di diverse?

Hai a disposizione il menù a tendina che ti permette di razionalizzare la tua ricerca: per birrificio, per marca, per prezzo, quelle in promozione e gli ultimi arrivi!

Se non sei un esperto ti consigliamo di iniziare dalla suddivisione per stili birrari: ti farai le ossa conoscendo le differenze tra la Pils, la Bier Blanche, le più nominate Lager, Weizen e Stout, la Trappista e così via. Scoprirai un mondo frizzante e ricco, dai colori ambrati e caldi, chiari e vivaci: imparerai ad esempio che le Bock possono essere chiare o scure, che la Lambic si caratterizza per la sua opacità, e che le Stout sono molto scure.

A questo punto avrai già le basi per poter scegliere autonomamente tra le centinaia di birre online quella che più si avvicina ai tuoi gusti, ma c’è di più.

Per gli intolleranti è possibile scegliere tra numerose marche di birre gluten free senza rischiare di spendere più del dovuto: le offerte sono numerose e il confronto dei prezzi automatico.

Va sottolineato inoltre che anche nel nostro paese si sta diffondendo l’interesse per lo stile di vita vegano: non tutti sono al corrente del fatto che vini e birre contengono spesso ingredienti di origine animale come gelatina, lattosio, colla di pesce…

Questo capita in particolar modo nelle produzioni per la grande distribuzione, ma non solo. Anche in questo caso la rete offre una vasta scelta, cosa che spesso il negozio sotto casa o il supermercato non può permettersi per questa fetta di consumatori: la ricerca online consente di scoprire in un clic tutte le offerte, avendo la certezza di un prodotto certificato e adatto alla personale scelta alimentare.

 

Bionda, rossa, scura: impariamo a scegliere la birra artigianale

La birra artigianale è divenuta un vero e proprio trend nel vasto mondo del food & beverage. Ogni giorno nascono diversi birrifici artigianali che propongono birre di diverso stile, colore e sapore.

 

Per un neofita diventa veramente complicato avvicinarsi a questo ingarbugliato mondo, specie se non ha interessi particolari ma è semplicemente alla ricerca di una buona birra bionda alla quale è sempre stato abituato. Vediamo quindi quali sono le caratteristiche per scegliere una birra artigianale.

 

Il colore della birra

 

Nell’immaginario collettivo la birra è gialla ma in pochi sanno che la scala cromatica della birra è legata al livello a cui i cereali sono tostati. Si va dalle più gialle e limpide, passando per le ambrate fino alle scurissime stout. Il livello di torbidità è definito invece da quanto la birra è filtrata da residui di lieviti.

 

Il sapore della birra

 

È l’aspetto strettamente legato al colore ed è condizionato da molti più fattori, tra cui lo stile di realizzazione della birra stessa, gli ingredienti utilizzati, le contaminazioni e la modalità di conservazione.

 

La componente amara invece è determinata alla presenza in quantità più o meno variabile del luppolo, attenuata dal malto che ha la funzione di equilibratore del gusto della birra.

 

Non mancano chiaramente le influenze sul retrogusto che la birra deve lasciare in bocca, talvolta caratteristica essenziale per una buona birra. Basti pensare al buon sapore di caffè o cioccolato che certe stout riescono a lasciare anche a distanza dall’ultimo sorso

 

Sfatiamo un mito: la birra non va sempre bevuta ghiacciata

 

La varietà di stile, ingredienti e metodi di conservazione presuppone la presenza di numerose variabili che non possono coesistere allo stesso grado di temperatura. Il freddo (soprattutto se esagerato) creare un effetto anestetizzante sulle papille gustative e non permette di cogliere le diverse sfumature di una birra.

 

Si parte dai 5 – 9 C° delle bionde fino ai 13 gradi delle barley wine. Infine è bene ricordare che la schiuma è indicatore di livello adeguato di temperatura.

 

Se troppo fredda la schiuma sarà poca, mentre l’eccesso è indicatore di temperatura troppo alta.
Ora hai tutto per scegliere la tua birra artigianale, non ti resta che iniziare ad assaggiare.

Heineken lancia la prima Radler analcolica: Dreher Lemon Radler 0,0%


Heineken Italia amplia la gamma delle Radler con Dreher Lemon Radler 0,0%, la prima Radler analcolica che unisce la birra analcolica al succo di limone.


A meno di un anno dal lancio di Dreher Lemon Radler, Heineken Italia amplia la gamma della bevanda che nasce dall’unione tra birra e succo di limone con Dreher Lemon Radler 0,0%, la prima Radler analcolica, da bere a tutte le ore e in tutte le occasioni: dopo un’attività sportiva, per spezzare la giornata, al lavoro o come Drink&Drive grazie alla ‘formula’ ZERO ALCOL.
Dreher Lemon Radler 0,0% è l’ultima nata in casa Heineken Italia, leader nell’innovazione, che dedica una bevanda a chi è alla ricerca di esperienze gustative e sensoriali nuove e a chi desidera una pausa rinfrescante senza alcol e senza il classico retrogusto leggermente amaro della birra, che nelle Radler scompare del tutto. Una frizzante alternativa a un succo di frutta, una bibita o un soft drink.
Dreher Lemon Radler 0,0%, nei classici formati da 33 cl, in lattina o in bottiglia, si unisce quindi alla già nota Dreher Lemon Radler, la Radler lanciata lo scorso anno da Heineken Italia e che ha conquistato gli italiani con la sua bassa gradazione alcolica (solo 2%) e il divertente claim ‘è tempo di limonare!’.

 


Una categoria relativamente nuova quella della Radler per il nostro mercato ma già amata dagli italiani perché facile da bere, nuova e adattabile a tutti i gusti: il corpo e il carattere allegro della birra si uniscono, infatti, al gusto fresco del succo di limone e danno vita a un sapore armonico, piacevole da degustare, soprattutto nella versione analcolica, a tutte le ore.
Quando si ha voglia di bere qualcosa che doni piacevolezza e refrigerio la Dreher Lemon Radler 0,0% è la giusta combinazione che unisce il gusto fresco della birra analcolica alle note aromatiche del succo di limone. Super rinfrescante e piacevole in ogni momento!

Con l’estate arriva la voglia di frutta

Arriva l’estate…scoppia la voglia di frutta!!!

È possibile unire il potere dissetante della frutta al piacere di gustare un’ottima birra?
Certamente sì: basta scegliere una delle squisite birre fruttate accuratamente selezionate da Beer Paradise per iniziare un viaggio emozionante alla scoperta di questo connubio esotico capace di esaltare le papille gustative.
Inizialmente prodotte solamente con una base Lambic, in cui la caratteristica acidità e il sapore agrodolce costituivano l’ideale per l’aggiunta di frutta, le birre fruttate oggi vengono prodotte anche con base Blanche. La grande abilità ed esperienza dei mastri birrai belgi ha, infatti, permesso di sperimentare con successo anche quest’altra tipologia di base che, per sua stessa natura, è meno acida rispetto alla Lambic e in cui gli aromi fruttati sono già presenti.
Quest’evoluzione ha portato a diversificare la base utilizzata per la realizzazione delle birre fruttate in base al tipo di frutta che si vuole aggiungere: se, infatti, si desidera ottenere delle birre al sapore di ciliegia o lampone la base ideale è la Lambic, mentre per le birre aromatizzate al cocco o al pompelmo l’ideale è usare una base Blanche.
Da Beer Paradise  trovate una selezionata proposta di alcune delle migliori birre fruttate prodotte in Belgio, come per esempio

Pink Killer – birra blanche ad alta fermentazione a cui l’aggiunta di pompelmo rosa conferisce un gusto agrodolce e un colore rosato
Mongozo Cocco – birra, rifermentata in bottiglia, esotica e dal gusto rinfrescante dovuto alla presenza della noce di cocco
Mystic Lime – birra blanche deliziosa e rinfrescante in cui la presenza del lievito la rende torbida e saporita e gli aromi naturali di limone le donano freschezza
Floris Fraise – birra blanche ad alta fermentazione molto fresca e leggera, prodotta con una selezione accurata di orzo e frumento, dall’aroma dolce-amaro con note di fragola

La primavera e l’estate sono il momento migliore per apprezzare pienamente le caratteristiche organolettiche delle birre fruttate: dissetanti, rinfrescanti e a bassa gradazione alcolica spengono la sete con gusto.
Scegliete quale frutto preferite e se siete indecisi… provatele tutte: ce ne sono anche alla pesca, alla ciliegia e al lampone!

CONTATTI
Zorzini Import snc
Via Trieste, 74
33050 Gonars (UD)
Tel./Fax 0432.993237

Sito internet: www.beerparadise.it
e-mail: info@beerparadise.it